Khalil può tornare a sorridere

Khalil può tornare a sorridere


Il piccolo Khalil ha dovuto rimanere nell’Ospedale pediatrico di Betlemme per tre settimane. Ora sta bene.

Foto: © Shireen Khamis

Nei bambini è piuttosto raro che la varicella provochi complicazioni importanti. Per Khalil, però, le cose sono andate diversamente: si è preso infatti una broncopolmonite e ha avuto notevoli difficoltà respiratorie. Dalle radiografie si era subito visto che c’era acqua nei polmoni. Il piccolo veniva ricoverato in Terapia intensiva, in isolamento, in modo da non contagiare gli altri bambini del Caritas Baby Hospital.

Dopo alcuni giorni, veniva portato in reparto, dove rimaneva per quasi tre settimane fino alla guarigione. Tornato a casa, dalle sorelline, ora sta abbastanza bene, anche se un po’ debilitato; i suoi genitori Nihad e Bayan lo portano comunque sempre a controllo in ospedale.

Per timore di un nuovo contagio alle vie respiratorie, per il momento Khalil all’asilo non ci può andare. Ma ha ricominciato a sorridere, con grande sollievo per i suoi genitori.

Foto: © Shireen Khamis
Khalil durante un controllo. 

Foto: © Andreh Gawaly
La broncopolmonite ha indebolito il piccolo, altrimenti molto vivace. 

Foto: © Shireen Khamis
I medici lo confermano: il piccolo, tre anni, è guarito.

Condividi