Hedwig Vetter: pioniera quasi dimenticata

Hedwig Vetter: pioniera quasi dimenticata


Hedwig Vetter ha avuto un ruolo decisivo nella fondazio- ne del Caritas Baby Hospital. Aiuto Bambini Betlemme le rende omaggio con una pubblicazione commemorativa a 25 anni dalla sua scomparsa.

Nel marzo 1949 Hedwig Vetter si recava su incarico della Caritas Svizzera in Medio Oriente. Aveva 24 anni, veniva da Flühli (Lucerna), aveva fatto una formazione commerciale, avrebbe dovuto farsi un'idea della situazione in Libano, Siria e Palestina organizzando sul posto gli aiuti della Caritas.

Quello che trovò Hedwig Vetter in Palestina, la segnò profondamente: povertà e miseria diffuse; migliaia di famiglie palestinesi che avevano perso la casa in seguito alla guerra del 1948 e che vivevano in campi «sotto le tende sulla nuda terra e in grotte umide, senza coperte, senza biancheria, senza articoli igienici, in condizioni di sporcizia estrema e allo stremo delle forze, senza cibo», come ha riportate la signora Vetter una volta rientrata in Svizzera.

Out Patient Clinic Caritas inaugurata nel 1950 
Estremamente precaria era la situazione di madri e figli. Quando Hedwig Vetter incontrò il medico palestinese Antoine Dabdoub a Betlemme, i due decisero nel 1950 di affittare una stanza e di offrire consulenza medica alle madri con figli ammalati. Nasceva così l’«Out Patient Clinic Caritas».

In quel momento non potevano sapere che tale realtà sarebbe poi cresciuta fino a diventare il Caritas Baby Hospital. Quando padre Ernst Schnydrig, vallesano, visitò 
la Palestina nel 1952, rimase impressionato dall'operadi Hedwig Vetter. Da lì in poi iniziò a prodigarsi in Europa per sostenere e potenziare il progetto a Betlemme. Qualche anno dopo fondò l'associazione Aiuto Bambini Betlemme per assicurare il finanziamento dell'Ospedale.

Riconoscimento per grandi risultati 
Fino al 1966 Hedwig Vetter gestiva le attività dell'associazione a Betlemme facendo in modo di ampliare continuamente i servizi offerti. Nel 1966 si contavano già 54 lettini. Poi arrivò la rottura. Hedwig Vetter diede le dimissioni dedicandosi inizialmente ad altri compiti a Betlemme. Nel 1974 ritornò in Svizzera dove morì nel 1995.

Mentre inizialmente l'opera della signora Vetter veniva debitamente riconosciuta da Aiuto Bambini Betlemme, dagli inizi degli anni ’80 il suo nome non veniva più citato nei documenti. In una pubblicazione commemorativa, l'Associazione dà il giusto merito a Hedwig Vetter rendendo omaggio al lavoro di una donna che ha fatto grandi cose per i bambini e le madri della Palestina.

La pubblicazione commemorativa (in tedesco) può essere ordinata presso la sede operativa di Aiuto Bambini Betlemme. Costo: 25 franchi

Condividi