La bambina di Gaza che ha sconfitto la paralisi

La bambina di Gaza che ha sconfitto la paralisi


Joury, una bimba di quattro anni dalla Striscia di Gaza, saltella, felice nei corridoi del reparto A del Caritas Baby Hospital. Un’infermiera gioca a rincorrerla.

“Quando Joury è arrivata da noi, due settimane fa, non poteva né mangiare né camminare“, ci dice il dottor Wisam Khair, che la segue.

La piccola viene dal campo profughi di Khan Younis, una cittadina colpita da grande povertà e situata nella parte meridionale della Striscia di Gaza. Una mattina di settembre la piccola si era svegliata ed era paralizzata. I medici dell’ospedale locale non erano in grado di stabilire una diagnosi chiara. Inoltre mancavano i farmaci necessari almeno per stabilizzarla. Dopo due settimane la bimba otteneva l’autorizzazione da parte israeliana e partiva, con la nonna, per la Cisgiordania dove sarebbe stata curata.

Al Caritas Baby Hospital hanno fatto accertamenti approfonditi sulle cause della paralisi tramite risonanza magnetica al cervello e al midollo spinale. Risultato : mielite trasversa – una patologia neurodegenerativa del sistema nervoso centrale. Grazie a un’assistenza di prim’ordine e a cure particolari, dopo due settimane la paralisi acuta veniva sconfitta.

Subito dopo la piccola riprendeva a mangiare e ora riesce a trascorrere di nuovo un po’ di tempo con la nonna nell’angolo giochi e a fare qualche giorno di vacanza. Tra alcuni giorni Joury potrà tornare, felice, a Khan Younis.

Condividi