Christine Sacca - Caritas Baby Hospital

Un Natale ha cambiato la mia vita


Christine Sacca, Responsabile Finanze, membro dell’«Executive Committee»

Prospettiva Betlemme, 43a edizione, Dicembre 2017

Christine Sacca. Responsabilità familiare e professionale.

Christine Sacca è diversa dai suoi fratelli e dalla sorella. Dopo aver completato gli studi non è rimasta, come i suoi due fratelli, negli Stati Uniti. E non ha mai intrapreso, come la sorella, la professione di “madre a tempo pieno”. “Io sono l’altro estremo”, confessa la 39enne parlando di se stessa. “A volte, in questo senso, non mi sento a posto con la coscienza", ammette. Ma è convinta che vada bene così. Ma procediamo con ordine. Dopo aver terminato gli studi di Economia aziendale con specializzazione in contabilità all’Università di Betlemme, Christine ha lavorato per alcuni anni presso una grande organizzazione che si occupa del restauro di beni culturali. Quando le si è presentata la possibilità di andare a fare un master negli Stati Uniti, ha colto al volo l’occasione, trasferendosi nel New Jersey. Di giorno lavorava in una compagnia di assicurazioni, di sera frequentava i corsi universitari. 

Costruire il futuro
Nel 2008 è tornata a Betlemme per trascorrervi le festività natalizie. E qui la sua vita è cambiata radical-mente. Durante una festa tra amici ha conosciuto quello che sarebbe diventato il futuro marito. Un motivo per levare le tende dal New Jersey e tornare definitivamente a casa. Nel 2011 Christine si è sposata; oggi i suoi due figli hanno due e quattro anni. Nonostante le nuove responsabilità familiari, per lei era importante continuare a lavorare. Inqualità di consulente per un grande progetto idrico aveva accumulato una notevole esperienza nella gestione dei rapporti con i finanziatori di progetti internazionali e nel campo della cooperazione. 

Subito dopo il secondo figlio, vede un annuncio per un posto di lavoro al Caritas Baby Hospital. Cercavano un  responsabile per le Finanze. L’idea di svolgere quelle mansioni all’interno di una struttura così nota la allettava. “E il fatto che la struttura disponesse di un asilo nido per  i figli dei collaboratori mi diede il coraggio per candidarmi.” Inoltre, il marito e la madre la aiutavano nelle faccende familiari. Da più di un anno Christine Sacca è la responsabile Finanze del Caritas Baby Hospital. Ricoprendo questa funzione, è anche membro del Comitato esecutivo (EC), e così partecipa “alla costruzione del futuro di  questa importante istituzione. Mi piace anche la grande varietà dei temi con cui dobbiamo confrontarci”, conclude la contabile. 

Finita la giornata lavorativa, Christine va a prendere il figlio all’asilo. Da quel momento è completamente ed esclu-sivamente a disposizione della famiglia. È lei a mettere ogni sera a letto i bambini. A volte è così stanca, che si addormenta nella loro cameretta. Non ha tempo – e que-sto le dispiace – per praticare sport o coltivare hobby. Le piacerebbe imparare meglio i segreti per fare una buona cioccolata. Ma il più delle volte non riesce nemmeno a leggere le ricette che le mandano le amiche.

Condividi