Therese Maria - Caritas Baby Hospital

Adoro i numeri


Therese Maria, Responsabile Contabilità

Prospettiva Betlemme, 34a edizione, Settembre 2015

Per Therese Maria il Caritas Baby Hospital è stato il primo posto di lavoro. E lo è da ben 22 anni.

Therese Maria non crede alle coincidenze. Tuttavia merita attenzione l’episodio del suo viaggio non programmato a Roma in occasione della canonizzazione di due suore palestinesi. “Per noi palestinesi viaggiare costa molto ed è faticoso. Per questo non volevo ritornare a Roma”. Ma la sorella minore di Therese non era d’accordo. “È la prima canonizza-zione di cristiani palestinesi e tu non vuoi esserci?” E ancora: “Per te non significa niente il fatto che abitiamo vicino al convento carmelitano, fondato da una delle nuove sante?”. A un certo punto Therese ha dovuto cedere.

Contro ogni aspettativa, i preparativi e il viaggio sono andati benissimo; nessun problema né con il visto né con i controlli all’aeroporto, in più le due sorelle hanno trovato anche un buon posto in piazza San Pietro. “Era come se qualcuno dall’alto stesse dirigendo magistralmente la situazione“, continua Therese Maria. Altra coincidenza: il gruppo venuto da Betlemme aveva preso parte a una messa di ringraziamento. All’improvviso una religiosa italiana batteva sulla spalla di Therese. Era suor Eliana con la quale aveva lavorato a lungo al Caritas Baby Hospital. Non la vedeva da sei anni, da quando era rientrata in Italia. Ed ora, l’incontro nel cuore di Roma. Che coincidenza! 

Anche l’aver iniziato 22 anni fa al Caritas Baby Hospital è casuale. Da studentessa era tenuta a fare un tirocinio in ambito sociale; per caso aveva optato per l’asilo dell’Ospedale. Successivamente, di stage ne faceva un altro, in Contabilità. “Poi un giorno un dipendente bussò alla mia porta di casa dicendo: 
“Abbiamo bisogno di qualcuno nel nostro ufficio, ti va di venire?”. Non ci pensai due volte.

Dopo le due ore al giorno di tirocinio arrivò il posto fisso, prima come cassiera, poi come contabile e dal 2004 come responsabile della Contabilità per un totale di 22 anni di servizio. “Conosco ogni minimo dettaglio dell’Accounting. Niente viene lasciato al caso. Tutto ciò che ha a che fare con i soldi vie-ne controllato ed esaminato più volte. Lavoriamo seguendo il principio del doppio controllo. Siamo molto rigorosi!”. Alla domanda se in tutti questi anni non si sia stancata di avere a che fare ogni giorno con le cifre, risponde sorridendo: “Io non lavoro con i numeri, semplicemente li adoro”.

Condividi